Gioiello della Provincia di Frosinone.

Una storia centenaria, ora non gestita più dai monaci, incastonato al centro dei monti Ernici.

Dal 2018 assegnata dal Ministero all’Associazione DHI – Dignitatis Humanae Institute.

 

 

Fiori all’occhiello della Certosa :

  • la Farmacia, sistemata in una palazzina con antistante giardino caratterizzato da siepi di bosso, modellate in forme curiose dai stessi frati, un tempo orto botanico.
  • la sala capitolare con pavimento ad intarsio sul fondo di noce scuro, sulle cui pareti si ammirano otto quadri sulla Maddalena, probabilmente opera del Caci.
  • la biblioteca che vanta oltre 36.000 volumi

Situata a 800 metri di altezza dista circa 4 km da Collepardo, sorge il monastero dedicato a S. Benedetto. Per volere del papa anagnino Innocenzo III, nel 1204 l’abbazia e i beni passarono ai Certosini.

Categories:

Fabio

Sono serio serio, Amo la Follia Buona